Città e comunità sostenibili: l’abitare del futuro

Esistono molti modi per rendere le città e gli insediamenti umani inclusivi, sicuri, duraturi e sostenibili

Anche Abitcoop tra le cooperative di abitanti aderenti a Legacoop che lavorano per l’obiettivo 11 dell’Agenda Onu 2030 su città e comunità sostenibili, presentata la best practice dei cappotti ecosostenibili scelti per le abitazioni di Castenaso (BO), stessa performance isolante e meno 12 tonn CO2 emesse in atmosfera.


L’ultimo saluto a Remo Malavasi

Deceduto stamane Remo Malavasi, una figura molto nota sia negli ambienti carpigiani, per il ruolo pubblico avuto nella seconda metà del secolo scorso, sia in Abitcoop, la cooperativa di abitazione aderente a Legacoop Estense, in cui ha rappresentato un assoluto progenitore del movimento cooperativo di abitazione nella provincia di Modena.

Attivo fino al 5 marzo 2008 nel Consiglio di Amministrazione, ha favorito, seguito ed accompagnato tutte le principali svolte della cooperazione di abitanti, dalla nascita negli anni ’60 delle cooperative locali, fino alla confluenza e unificazione di queste pionieristiche esperienze nella cooperativa unica provinciale.

«Il movimento cooperativo di abitazione – dichiarò al momento del congedo a 80 anni in una cerimonia che Abitcoop gli volle dedicare il 27 marzo 2008 – mi ha dato le più grandi soddisfazioni della mia vita. Mi ha trasformato da semplice contadino con in mano un diploma di quinta elementare, in una figura pubblica, capace di parlare anche davanti a centinaia di persone».

Con Remo Malavasi se ne va un pezzo della memoria storica di Abitcoop. Per merito suo, e insieme a lui, da piccola e frammentata realtà composta da tante microcooperative locali, la cooperazione di abitazione modenese è diventata quella importante impresa cooperativa che conosciamo oggi.

Il suo impegno nella cooperazione di abitazione iniziò nei primi anni ’60 quando sull’entusiasmo del primo Piano Regolatore di Carpi nel 1962 si costituì nella città dei Pio il nucleo di quella cooperativa locale, che realizzò l’intervento di 50 alloggi in via Guernica, nella zona dell’Acquedotto, subito battezzato dai detrattori “Il Cremlino” per la colorazione dell’edificio, ma soprattutto perché fu realizzato dalla Cooperativa Muratori di Carpi per conto di un gruppo di soci che decisero di mettersi in cooperativa.

Fu un’esperienza pionieristica per quegli anni e l’animatore di tutto fu appunto Remo Malavasi che, abbandonati i panni del mezzadro, mestiere esercitato in gioventù, aveva abbracciato gli ideali della cooperazione.

L’esordio del suo impegno nella cooperazione avvenne, però, nel 1955 quando aderì alla Cooperativa dei Mulini, una cooperativa che non esiste più e che resta relegata, forse, solo agli annali della cooperazione modenese.

«Per merito suo e di tanti altri come lui – ha dichiarato la Presidente di Abitcoop Simona Arletti la nostra Cooperativa è e continua ad essere una realtà sempre attenta ai bisogni delle cittadine e dei cittadini, capace pur nelle trasformazioni di innovarsi per cogliere i cambiamenti sociali e culturali della popolazione. Ma il nostro impegno è e resta quello di dare casa a chi non la possiede. Questo è il testimone che ci è stato trasmesso da personalità come Remo Malavasi».


Convocazione Assemblea dei Soci 2020

Quest’anno l’Assemblea dei Soci di Abitcoop – posticipata causa Covid-19 – si terrà in prima convocazione domenica 12 luglio 2020 alle ore 8.30 presso la sede sociale della Cooperativa, e, in seconda convocazione, giovedì 23 luglio 2020 alle ore 17.30 online e presso la sede sociale della Cooperativa a Modena in via Nonantolana 520.

Il Consiglio di Amministrazione ha scelto questa modalità di svolgimento dell’Assemblea, in considerazione dell’emergenza legata all’epidemia Covid-19, per cui sono state adottate misure che limitano la mobilità di mezzi e persone, con l’obiettivo della massima tutela dei Soci e degli altri soggetti coinvolti, così come consentito dall’art. 106, comma 2, del Decreto Legge 17 marzo 2020 n. 18.

 

Ordine del Giorno e documenti collegati

  1. Bilancio Consuntivo al 31/12/2019 nonché Relazione sulla gestione, Relazione del Collegio Sindacale e Relazione della Società di Revisione. Deliberazioni relative;
  2. Rinnovo parziale Consiglio di Amministrazione e determinazione compenso;
  3. Nomina componenti della commissione elettorale;
  4. Conferimento degli incarichi di revisione legale dei conti e di certificazione dei bilanci del triennio 2020-2022 e determinazione dei relativi compensi;
  5. Varie ed eventuali.

 

Come partecipare

I Soci della Cooperativa potranno partecipare all’Assemblea online, limitando la presenza di persona presso la sede sociale, ad un numero massimo di 20 persone.

 

PARTECIPAZIONE ONLINE

Ogni Socio/a che intende partecipare all’Assemblea online dovrà inviare un’e-mail a assembleasoci@abitcoop.it, indicando:

  • cognome e nome
  • il proprio codice fiscale
  • la propria e-mail
  • un telefono cellulare.

Per partecipare all’Assemblea è necessario:

  • Prima convocazione 12/07/2020 ore 8.30. Registrazione dal 06/07 (ore 9.00) fino al 09/07 (ore 12.00). La preregistrazione dei Soci permetterà di verificare in anticipo se verrà raggiunto il quorum per rendere valida la prima convocazione (almeno la metà più uno dei voti spettanti a tutti i soci aventi diritto al voto). Qualora, come si presume, il quorum non venga raggiunto, verrà comunicato agli iscritti per la prima convocazione che la loro registrazione è da considerarsi valida, ma che i codici di accesso verranno inviati per poter partecipare all’Assemblea in seconda convocazione;
  • Seconda convocazione 23/07/2020 ore 17.30. Registrazione dal 09/07 (ore 14.00) al 19/07 (ore 24.00). Al Socio/a legittimato a partecipare saranno fornite, con l’invio all’e-mail indicata in sede di registrazione, le credenziali di accesso per partecipare all’Assemblea (non sarà necessario scaricare alcuna applicazione specifica).

Qualora si verifichino errori o ammanchi il Socio/a verrà contattato per procedere a una rapida integrazione.

 

PARTECIPAZIONE DI PERSONA (solo 20 posti)

È consentita la presenza fisica presso la sede sociale in via Nonantolana 520, per un numero massimo di 20 persone, che dovranno inviare una e-mail dal 02/07 (ore 14.00) al 23/07 all’indirizzo assembleasoci@abitcoop.it

Nella richiesta da inviare via mail deve essere indicato:

  • cognome e nome
  • codice fiscale
  • indirizzo e-mail
  • telefono cellulare

Per avere conferma della possibilità di partecipazione in presenza, verrà rilasciata comunicazione di accettazione di iscrizione dalla Cooperativa, in risposta alla richiesta inviata tramite e-mail.

Una volta raggiunto il numero massimo consentito, questa modalità verrà chiusa, e sarà possibile effettuare solo la partecipazione online.

 

PARTECIPAZIONE PER DELEGA E RAPPRESENTANZA

Il Socio/a che non può essere fisicamente presente all’Assemblea e che non intende partecipare con il voto online può conferire delega di dare la rappresentanza ad un Soci/a iscritto a partecipare.

La delega dovrà essere firmata dal delegante e, insieme alla fotocopia di un documento di identità dello stesso, dovrà essere consegnata al delegato il quale dovrà allegarla alla propria domanda di iscrizione o consegnarla di persona nel caso di presenza.

Scarica la delega

Attenzione: per la partecipazione in delega vale l’art. 21.2 dello Statuto di Abitcoop.

 

Come votare online

I Soci possono partecipare all’Assemblea attraverso un portale web seguendo il live streaming, da ovunque. Tutto in diretta. È necessario che ogni singolo Socio/a si doti di un proprio device (computer o smartphone) e basta una buona connessione internet.

Per esercitare il proprio diritto al voto, il Socio/a dovrà necessariamente registrarsi all’Assemblea secondo le modalità precedentemente dettagliate.

Si accede al sito con le credenziali personalizzate inviate e una volta ammessi, è possibile leggere i documenti, votare online e fare domande scritte tramite la piattaforma ai rappresentanti della Cooperativa.

Il voto online potrà essere esercitato collegandosi a questo link https://abitcoop.assemblea.online/, tramite i codici di accesso consegnati, dalle ore 17.30 del 23/07 fino alla chiusura delle singole votazioni dell’Assemblea, secondo le indicazioni del Presidente.

 

Per ulteriori informazioni:
059 38 14 11 (nei giorni lavorativi, negli orari di apertura uffici)
assembleasoci@abitcoop.it


Il nostro periodico sempre più green!

Da quest’anno abbiamo pensato, in coerenza col nostro impegno per ridurre al massimo gli sprechi, di non inviare, agli oltre 6.000 Soci che posseggono una e-mail, il nuovo numero del periodico in forma cartacea, contribuendo così a risparmiare carta e, di conseguenza, a ridurre l’abbattimento degli alberi.

In questa edizione del nostro giornale troverai approfondimenti su temi che Abitcoop sta intensamente sviluppando come la rigenerazione urbana, le case “no gas” e i cappotti ecosostenibili.

Clicca sull’immagine qui sotto per scaricare il file in formato PDF.


Premi di studio Francesco Reggiani 2020

Anche quest’anno Abitcoop conferma il proprio impegno a sostegno di giovani laureati con l’assegnazione di 6 premi dell’importo complessivo di € 5.000

 

Dal 2012 ad oggi la Cooperativa ha destinato a 57 giovani neolaureati la cifra complessiva di € 45.000.

Decisi dalla Commissione di valutazione i 6 vincitori dei Premi di Studio Francesco Reggiani 2020. La Commissione si è trovata a dover compiere una scelta impegnativa fra 13 domande che, oltre a rispondere pienamente ai severi requisiti richiesti, erano tutte di alto profilo qualitativo e con un punteggio di laurea molto elevato.

La scelta per i due premi da assegnare a laureati triennali di primo livello è caduta su: Ilenia Pellicciari, laureatasi in Scienze dell’Economia e della Gestione Aziendale (110/110 e lode) e Giada Giorgi, laureatasi in Terapia Occupazionale (110/110).

Mentre per i quattro premi destinati a laureati magistrali di secondo livello, tra i quali anche preferenzialmente un laureato in Ingegneria per l’Ambiente e il Territorio, la commissione si è espressa favorevolmente per: Giulia Iattoni, laureatasi in Ingegneria per l’Ambiente e il Territorio (110/110 e lode); Carlo Cavalieri, laureatosi in Scienze Statistiche (110/110 e lode); Davide Baraldi, laureatosi in Ingegneria Energetica e Nucleare (110/110 e lode) e Niccolò Braidi, laureatosi in Scienze Chimiche (110/110 e lode).

La cerimonia di premiazione si svolgerà giovedì 25 giugno 2020 alle ore 17.30 in occasione del prossimo CdA presso la sede di Abitcoop alla presenza dell’Assessore alla città universitaria, Andrea Bortolamasi e del Prorettore università di Modena e Reggio Emilia Gianluca Marchi.


Diventare Soci di Abitcoop. Anche online si può

Oggi puoi farlo online e partecipare così ai Bandi di assegnazione in corso

 

Nonostante l’emergenza dovuta alla pandemia da Coronavirus, Abitcoop prosegue l’attività con programmi per la consegna di case e per non interrompere il dialogo con i Soci aggiorna la modalità di iscrizione e di adesione ai Bandi.

La forzata chiusura al pubblico degli uffici della Cooperativa, decisa per rispetto alle disposizioni impartite dalle autorità sanitarie nazionali e regionali che proseguirà fino al 3 maggio, ha fatto sì che dalla giornata di lunedì 20 aprile è stata attivata la possibilità di effettuare l’iscrizione a Socio/a anche online.

Questa opportunità consente ai cittadini interessati alle iniziative edificatrici della Cooperativa di potersi iscrivere e aderire ai Bandi.

L’operazione di iscrizione è molto semplice e richiede pochissimi minuti.

A questo link trovate la pagina di iscrizione con il modulo da compilare: abitcoop.it/diventare-soci.

Si ricorda al riguardo che la scadenza per l’adesione al Bando Parco dei Fiori è stata fissata al prossimo 28 aprile.

Non appena decadranno le stringenti misure di quarantena, e sarà possibile riaprire e ricevere il pubblico in sicurezza, l’iscrizione a Socio/a potrà essere effettuata, come sempre, anche presso la sede di via Nonantolana 520 a Modena e presso l’ufficio di Carpi in via Peruzzi 24.

Photo by Christin Hume on Unsplash


Comunicazione in merito alle misure adottate per il contenimento della diffusione del CORONAVIRUS, in applicazione del DPCM 8 marzo 2020

Comunichiamo che Abitcoop rimarrà chiusa al pubblico dal 9 marzo al 3 aprile 2020, salvo ulteriori disposizioni ministeriali.

In caso di questioni e problematiche dei Soci ritenute inderogabili – a discrezione della Cooperativa – sarà possibile richiedere un appuntamento telefonando al numero 059 381411 o scrivendo una mail a info@abitcoop.it.

L’incontro, che non potrà prevedere la presenza di più di due utenti in contemporanea, si terrà nella sala ricevimento situata a piano terra, dotata di tutte le misure igieniche necessarie (igienizzante mani, guantini monouso…) e appositamente modificata in modo da garantire la distanza raccomandata.

La chiusura e le diverse modalità per mettersi in contatto con la Cooperativa verranno segnalate sia attraverso cartelli apposti presso le sedi, sia tramite il nostro sito internet e la nostra pagina Facebook.

Si stanno realizzando soluzioni che consentano l’iscrizione ai bandi on line, quindi i cittadini sono invitati a consultare il sito che verrà costantemente aggiornato.

Le operazioni di versamento sul prestito da parte dei soci sono sospese ma sarà possibile, previo appuntamento, effettuare le operazioni di prelievo prenotate adottando le buone pratiche igieniche previste.

Le riunioni del CdA e con soggetti esterni verranno realizzate in videoconferenza.

 

Il Responsabile del Servizio di Prevenzione
e Protezione dei rischi
Andrea Prampolini


Abitcoop si tinge di giallo

Abitcoop, la più numerosa cooperativa di abitazione della provincia di Modena, per manifestare la sua vicinanza alle donne si “tinge” idealmente di giallo.

In occasione della Festa internazionale della donna le Socie Abitcoop che, nelle giornate da giovedì 5 a sabato 7 marzo, si recheranno nella sede provinciale di Modena (via Nonantolana 520) e a Carpi (via Peruzzi 24) nella giornata di venerdì 6 marzo riceveranno un omaggio floreale. Il dono è stato realizzato da UDI Modena.

Contestualmente tutte le socie, ma anche i soci della cooperativa e le cittadine ed i cittadini che ne condividono la finalità, potranno sottoscrivere in questi giorni, e nei successivi, la petizione nazionale di UDI per rendere le molestie sessuali nei luoghi di lavoro un problema di sicurezza sul lavoro.

L’iniziativa dell’associazione – pienamente con divisa dalla cooperativa modenese – mira ad introdurre nel decreto 81/2008 “Testo unico sulla salute e sicurezza sul lavoro” di un nuovo Titolo dedicato specificatamente alle molestie sessuali nei luoghi di lavoro, proponendo che quest’ultime vengano trattate come una sorta di “incidente sul lavoro” che, intaccando l’integrità fisica e psicologica delle lavoratrici, pongono di fatto un problema di sicurezza sul lavoro.

«Le molestie sessuali agite nei luoghi di lavoro – spiegano le proponenti – costituiscono violenza e hanno l’effetto di ipotecare fortemente la presenza delle donne negli ambiti lavorativi e con questo l’autonomia economica delle cittadine: nell’indagine “Le molestie e i ricatti sessuali sul lavoro” del 13 febbraio 2018, l’Istat stima che il fenomeno abbia riguardato almeno una volta nella vita il 43,6% delle lavoratrici in Italia tra i 14 e i 65 anni, e l’O.I.L. definisce le molestie come “minaccia alle pari opportunità” e “inaccettabili e incompatibili con il lavoro dignitoso” nella Convenzione del 2019».

È con questa consapevolezza che l’UDI Modena propone che le molestie sul lavoro vengano contrastate attraverso percorsi di prevenzione culturale dedicati al riconoscimento del problema, alla sua origine di stampo patriarcale e ai modi per abbatterlo; che questi siano tenuti in collaborazione con le associazioni femminili e, da ultimo, che essi siano inseriti all’interno della formazione già obbligatoria sulla Sicurezza sul lavoro, perseguendo così una logica di mainstreaming di genere che permetta il debellamento del fenomeno attraverso politiche integrate, anziché parallele, le stesse auspicate 25 anni fa dalla Conferenza mondiale delle donne di Pechino di cui quest’anno ricorre l’anniversario.


Emergenza Coronavirus

Abitcoop ha deciso di mantenere attivi i propri servizi adottando misure organizzative tali da consentire un accesso con modalità contingentate o comunque idonee a evitare assembramenti di persone, tenuto conto delle dimensioni e delle caratteristiche dei locali aperti al pubblico e tali da garantire ai frequentatori la possibilità di rispettare la distanza di almeno un metro tra le persone in ottemperanza al Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri (Dpcm) del 1 marzo 2020 (Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19. (20A01381) (GU Serie Generale n.52 del 01-03-2020) le cui disposizioni producono effetto dal 2 marzo 2020 , e sono efficaci, salvo diverse previsioni contenute nelle singole misure, fino all’8 marzo 2020.

In questi giorni il nostro personale sarà un po’ più distaccato ed eviterà di stringerti la mano, ma ti accoglierà con il solito sorriso, cortesia e competenza. Per informazioni di carattere generale, prima di recarti presso i nostri uffici puoi consultare il nostro sito.

Confidiamo nella tua comprensione e collaborazione attraverso le buone pratiche quotidiane che aiutano a contenere il rischio: “Aiutiamoci l’un con l’altro” per ridurre il rischio Coronavirus.


Al riparo - La sicurezza delle persone in casa propria

Sempre più attenta ad una gestione ecocompatibile della casa ed alla tutela della sicurezza dei propri soci, Abitcoop, insieme a Federconsumatori Modena, ha deciso di promuovere un incontro sulla sicurezza delle persone nella propria abitazione.

L’iniziativa, che gode del patrocinio del Comune di Modena, si terrà mercoledì 12 febbraio 2020 a Modena presso la Sala Riunioni della Sede Abitcoop in via Nonantolana 520.

Significativo il titolo dell’appuntamento, “Al riparo”, che chiamerà a raccolta il mondo dell’associazionismo e del volontariato per parlare di progetti e azioni sul delicato tema delle truffe e dei pericoli domestici.

Si inizierà alle ore 9.30 con i saluti di Simona Arletti, Presidente Abitcoop, che parlerà oltre che della solidità delle abitazioni realizzate dalla cooperativa, anche delle soluzioni innovative proposte (es. domotica) e delle convenzioni avviate con Verisure per l’istallazione di allarmi domestici e con Assicoop per salvaguardarsi rispetto ad eventi atmosferici e guasti domestici, di Marzio Govoni, Presidente Federconsumatori Modena, che presenterà l’attività del loro sportello Sos Truffa, e di Giovanni Gobbi, Presidente Quartiere 2 di Modena.

Successivamente prenderanno la parola la Comandante della Polizia Municipale di Modena, Valeria Meloncelli, che esporrà alcuni dati sui furti domestici e sulle azioni promosse per il controllo di vicinato, Alfredo Sgarbi, Segretario SPI Modena, ed Ercole Toni dell’Associazione Vivere Sicuri e gruppi di controllo di vicinato.